A PRESTO IL NUOVO SITO !!!!

La Relazione

aishaeme
La relazione è un’alchimia fatta di comunicazione, empatia, ascolto reciproco e vissuto quotidiano. Va creata, alimentata, consolidata lungo un percorso condiviso, spesso accidentato e non sempre facile, in cui occorre sapersi e volersi mettere in gioco, con sguardo vigile sui tranelli che spesso ci attendono lungo la strada.

aishacucciola

 Condivido con piacere in poche righe la mia esperienza con Aisha, una cavalla di 14 anni. L’ho vista la prima volta che aveva poche ore di vita e mi prendo cura di lei dall’età di 9 mesi. Aisha vive ora con me ad EquIncontro Natura, dopo un lungo peregrinare tra scuderie e pascoli, dove potevo stare con lei solo nel tempo libero.

Spesso mi sono voltata indietro, ripercorrendo con la mente, alla luce di nuove consapevolezze il lungo viaggio che ci ha portato fin qui.
Ho ripensato al periodo trascorso nei contesti dell’equitazione convenzionale e a tutte le volte che il mio ego si sentiva gratificato, quando nel maneggio dove trascorremmo diversi anni, avvicinandomi al suo paddock mi veniva subito in contro. Mi piaceva pensare che fosse contenta di vedermi. In realtà probabilmente non vedeva l’ora di uscire da quel rettangolo brullo con capannina che era la sua casa …. E dire che la consideravo fortunata a poter vivere almeno fuori dal box e circondata da altri cavalli!

Ora che io e Aisha viviamo qui ad EquIncontro Natura, lontane già da diversi anni (sembrano anni luce!) dalla equitazione convenzionale, riesco a sentirla davvero vicina a me, ed è un’emozione indescrivibilmente bella!
Ripenso alle sue prime esperienze della ritrovata vita da cavallo tra i cavalli, quando lasciato il circolo fise che ci aveva ospitato fino ad allora, approdammo in un grande uliveto, dove lei fu finalmente libera di vivere all’interno di un branco gestito secondo l’approccio zooantropologico.

Eccone un breve scorcio…Dopo un periodo di adattamento in cui la lasciai scorrazzare in socialità attraverso i diversi ettari della tenuta che la ospitava, un giorno tentai di portarla a fare una passeggiata a capezza, giu’ per una collina, lontano dai suoi nuovi compagni. Lei si era dimostrata subito restia e nervosa, come se non riconoscesse o addirittura temesse quell’ambiente che invece le era diventato familiare come terreno di scorribande con i puledri del branco. Tant’ è che ad un certo punto aveva lanciato un nitrito possente e alla risposta del branco in lontananza si era impennata strappandomi la longia di mano per poi tornare precipitosamente dai suoi amici!

puledrieseDovetti lavorare non poco per costruire quello che credevo esistesse già da tanti anni ma che invece mancava: una vera relazione.
Cominciai ad essere una presenza molto discreta all’interno del suo branco. Successivamente, quando il mio “esserci e non esserci” diede i suoi frutti, iniziai a fare con lei piccolissimi spostamenti durante i quali l’allontanamento dagli altri cavalli divenne dolce e graduale, nel rispetto dei suoi tempi. Dopo un alternarsi di esperienze dentro, intorno, fuori e poi di nuovo dentro al branco, riuscimmo ad allontanarci sotto lo sguardo perplesso dei puledri che ci osservavano facendo capolino da sotto gli ulivi.
Finalmente ebbi la netta sensazione che fosse veramente con me, che mi seguisse e che mi prendesse come riferimento. E la cosa più bella è che contemporaneamente aveva come riferimento anche i puledri! Dividere fra me e gli altri cavalli la sua attenzione, il suo riferimento fu davvero gratificante!

E "concessi" al mio ego di gioire, anche se questa volta con una consapevolezza diversa. Aisha stava davvero con me! Non perché non avesse altro, tanto meno per evadere da un ambiente sgradevole ma perché finalmente avevo gettato le basi per una relazione autentica che da allora, dopo diversi anni, è cresciuta in un alternarsi di esperienze esaltanti e momenti difficili, come è normale che avvenga quando due esseri condividono un percorso insieme.


Per vivere questa esperienza così intensa e ritrovare il vero contatto, non ebbi bisogno di grandi strutture, impianti sportivi, aree attrezzate… ma sicuramente di un posto dove l’atmosfera di serenità palpabile permettesse a cavalli e a persone di esprimere il meglio di se!…. Ripenso sempre con gioia a quel bosco di ulivi dove è iniziata la mia nuova vita con Aisha attraverso un’interazione finalmente autentica. Il nostro percorso prosegue oggi ad EquIncontro Natura, più entusiasmante che mai, incrociando le strade di tutte le persone che vorranno con noi condividere questo meraviglioso viaggio nella relazione.

Letizia Stagno